Defkalion LENR – la presentazione on Livestream

Defkalion LENR – la presentazione on Livestream.

Al link potrete trovare il live stream che sarà trasmesso Lunedì 22 Luglio 2013

In diretta dai laboratori di Defkalion Europa, a Milano, è allestito quello che forse è l’esperimento più avanzato di fusione fredda. La fusione fredda è da tempo al centro di polemiche, grandi divergenze, sospetti, sostenitori e accusatori che, senza mezzi termini, parlano di truffa. La sostanza sarebbe però molto semplice: con la fusione fredda siamo in presenza di una fonte energetica sostanzialmente illimitata e a costi irrisori. Se questa nuova fonte energetica fosse disponibile sul mercato, come annunciano alla Defkalion Europa, cambierebbe gli scenari mondiali dell’energia. Nel corso di questo appuntamento, organizzato da Defkalion Europa, in collaborazione con TRIWU’ e con Moebius, la trasmissione di scienza di Radio 24-Il Sole 24 Ore, si potrà vedere in funzione la “macchina” che attraverso un processo di LENR, Low Energy Nuclear Reaction produce energia. Il reattore non è mai stato visibile prima al largo pubblico. Federico Pedrocchi di Moebius, Maurizio Melis (anche noto come conduttore di Mr. Kilowatt a Radio 24), con l’aiuto dei tecnici Defkalion Europa e di altri ospiti, descriveranno la “macchina” nelle sue varie componenti e racconteranno come il processo funziona – o dovrebbe funzionare, raccontando anche le voci di chi grida all’imbroglio. Una cosa è certa: l’appuntamento è di grande interesse per il mondo della ricerca scientifica e dello sviluppo industriale. Se tutto funzionerà, la rivoluzione energetica della fusione fredda cambierà la vita quotidiana di tutti.

Links

  • Fusione fredda su TRIWU’ http://www.triwu.it/sezione-in-primo-piano/-/asset_publisher/E9rU/content/la-fusione-fredda-va-online

Fukushima il disastro senza vittime ne danni

Avete avuto nuove notizie sul Disastro di Fukushima? NO? Perché no? Perché nessun telegiornale o rivista patinata ne parla, ne scrive, ci descrive le pene delle vittime, il loro numero, gli effetti sul territorio, e chi più ne ha più ne metta? Forse perché dopo due anni dall’incidente a Fukushima Daiichi, dopo l’incidente nucleare peggiore possibile, i malati sono ZERO e i morti sono ZERO.

Lasciatemelo dire con un po’ di enfasi, abbiate pazienza:
ZERO

Questo articolo di The Age: Japan’s radiation disaster toll: none dead, none sick ci rivela che dopo due anni, un rapporto preliminare commissionato dalla United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation ad un gruppo di 80 scienziati di 18 paesi differenti arriva a questa conclusione:

“L’esposizione alle radiazioni dopo l’incidente nucleare di Fukushima-Daiichi non ha causato effetti sanitari immediati. E ‘improbabile che in futuro sia possibile attribuire eventuali effetti sulla salute del pubblico e della stragrande maggioranza dei lavoratori.”

“Nessun decesso o effetto acuto legato alle radiazioni sono stati osservati tra i quasi 25.000 lavoratori coinvolti sul luogo dell’incidente. Dato il piccolo numero di lavoratori molto esposti, è improbabile che i casi in eccesso di cancro alla tiroide a causa di esposizione a radiazioni siano rilevabili.”

Il terremoto e lo tsunami sono stati la vera catastrofe, con 10.000 morti, centinaia di migliaia di sfollati, enormi quantità di beni distrutti. Ma alla catastrofe naturale si è aggiunta una catastrofe causata dall’uomo e dalla sua stupidità: almeno 1.000 persone sono morte a causa dell’evacuazione. Il 90% di queste (quindi circa 900 persone) erano anziani oltre i 69 anni che sono stati sottoposti allo stress di una evacuazione, agli sballottamenti dello spostamento e alla durezza di dover vivere per giorni in ripari di emergenza invece della loro casa. La maggior parte di quelli evacuati da zone dove il livello di radiazioni aggiuntive non era superiore al livello naturale sarebbero stati meglio se fossero rimasti a casa loro.

Una commissione giapponese di inchiesta descrive l’incidente di Fukushima come un disastro creato dall’uomo, a causa degli errori del regolatore (leggi politici) e una mancanza di cultura della sicurezza. Questo in aggiunta ad un terremoto di grado 9.2, uno tsunami alto il doppio di quello che era stato previsto dai progettisti (12 metri di onda, invece che 6 metri), terremoti di assestamento di grado 7 e 6 (che è lo stesso livello del terremoto dell’Aquila). E non un singolo morto per radiazioni, neanche un singolo episodio di malattia da avvelenamento da radiazioni.

Niente.

Nel frattempo, nessun titolo sui giornali per le 6.000 persone che muoiono ogni anno nelle miniere di carbone per produrre carbone, nessun titolo per le persone che vivono nelle aree dove il carbone viene prodotto e che hanno una mortalità del 10% superiore a quelle della popolazione generale. Nessun titolo che leghi i crescenti problemi economici del Giappone al fatto che è passato dall’essere un esportatore netto ad un importatore netto dopo la chiusura delle centrali nucleari e l’aumento delle importazioni di carburanti. La situazione economica giapponese, già sull’orlo del burrone a causa del grande debito pubblico, è vulnerabile e prossima al collasso senza energia abbondante e a basso costo. Ci si aspetta che 50 impianti nucleari ripartano, in Giappone, prima della fine dell’anno. 60 sono in costruzione in tutto il mondo e 300 stanno tentando di ottenere una licenza per essere costruiti. Mai così tanti dal 1980.

Fukushima è stato un avvenimento serio, ma non è la fine del dibattito sul nucleare. E si tratta di un dibattito veramente poco informato, visto che le notizie dell’impatto nullo o quasi sulla salute sono tanto trascurate.

Articoli simili, grazie a Zemanta:
The Fukushima Nuclear Disaster’s Toll: How About Zero?
Japan’s radiation disaster toll: none dead, none sick

Enhanced by Zemanta

La funzione Monetaria di Bitcoin: una confutazione

traduzione Romanato Mirco – Revisione Giuseppe Tararà
Le citazioni sono tratte dalla traduzione italiana di Mises Daily: Thursday, April 04, 2013 by Nikolay Gertchev The Money-ness of BitCoin  di Francesco Simoncelli: La Funzione Monetaria di Bitcoin 

Leggere un pezzo equilibrato sul sito del Ludwig von Mises Institute sui Bitcoin di Nikolay Gertchev  (Mises Daily: Thursday, April 04, 2013 by Nikolay Gertchev The Money-ness of BitCoin Traduzione italiana: La Funzione Monetaria di Bitcoin a cura di Francesco Simoncelli), un economista della Commissione Europea, è un sollievo. Sebbene non condivida le conclusioni, almeno non è una di quelle irrazionali e disinformate stroncature di BitCoin che arrivano frequentemente dai “gold & silver bugs”. L’ultimo giro di mazzate sui Bitcoin arrivava da Michael Pento su CNBC. I suoi commenti erano così ridicoli che si sono attirati questa risposta da Trace Mayer – ”Why Michael Pento Should Just Keep His Mouth Shut“.

-
bitcoin è finito molte volte tra le notizie. Sullo sfondo di rinnovate preoccupazioni circa l’integrità della zona euro e l’imposizione di controlli sui capitali a Cipro, il prezzo di un bitcoin è triplicato nel corso dell’ultimo mese e ha raggiunto più di $141 per 1 BTC. Stiamo assistendo alla nascita spontanea di un mezzo alternativo di scambio virtuale? Questo articolo offre una risposta a questa domanda prendendo in considerazione tre aspetti dell’economia dei bitcoin: il loro processo di produzione, i loro fattori di domanda, e la loro capacità di competere con i mezzi di scambio fisici.
-
Mentre Nikolay afferma che Bitcoin soddisfa il Criterio di Regressione Misesiano per l’introduzione in un libero mercato di un mezzo di scambio, dice anche che Bitcoin soffre lo svantaggio di una domanda limitata e di una dipendenza dalla tecnologia. Ecco, per quel che valgono, i miei 2 BTC.

(1) Domanda Limitata

Senza la certezza di poter essere scambiati con un qualsiasi altro bene nell’economia, non si potrebbe sviluppare una domanda che li consideri denaro. E’ la loro capacità di diventare e rimanere di uso comune che li pone in uno svantaggio relativo. Certamente vero, ma uno deve ricordare che il primo BTC è stato creato solo nel gennaio del 2009. E non catturò l’attenzione dei social media e mass media prima, rispettivamente, del Febbraio e dell’Aprile 2011. Nel breve lasso di due anni, la sua capitalizzazione è cresciuta da 1 milione di US$ ad 1 miliardo di US$.
La prima volta che Bitcoin è stato usato come un mezzo di scambio è stato nel Maggio del 2010 (una pizza fu venduta per 10,000 BTC). Oggi si può comprare questo TV da 32” per 2.77 BTC. Visita BitCoinStore e sarai sorpreso da quello che puoi comprare con i tuoi Bitcoins. BitPay, il principale Bitcoin Payment Service Provider (Fornitore di Servizi di Pagamento in Bitcoin) ha processato oltre 5.2 milioni di $ in transazioni di Bitcoin per i suoi mercanti durante il mese di Marzo, facendo iscrivere ai suoi servizi oltre 1,300 nuovi mercanti solo in quel mese. E si va oltre all’elettronica e ai beni di consumo e direttamente nel cuore dei servizi al governo.

 “Nel mese di marzo, gli strumenti di pagamento di BitPay sono stati integrati anche in E-GovLink, un sistema di fatturazione utilizzato dai governi locali, e FoxyCart, un popolare servizio di carrello della spesa SaaS ospitato nel cloud. Qualsiasi azienda o organizzazione che utilizza E-GovLink o FoxyCart adesso può aggiungere l’opzione di pagamento in Bitcoin .

Sul fronte degli investimenti, ci sono evidenza di una domanda estremamente elevata non solo dovute all’azione dei prezzi ma anche dall’attività del più grande exchange di Bitcoin del mondo, MtGox. Date una occhiata ad alcuni numeri menzionati nel loro comunicato stampa di ieri

 “L’anno scorso, Mt.Gox ha visto una media di 9.000 a 10.000 nuovi account creati ogni mese. Questo numero è raddoppiato nel mese di gennaio, triplicato nel mese di febbraio, e sestuplicato in marzo. Solo in questo mese (marzo), sono stati creati oltre 57.000 nuovi conti!
  Con questa rapida velocità di adozione, non ci vorrà molto prima che la “domanda limitata” di BitCoins diventi un non problema.

(2) Dipendenza dalla Tecnologia

Il punto chiave, tuttavia, è che i bitcoin potrebbero diventare un mezzo di scambio solo attraverso l’uso di altri beni accessori, specifici e fisici in un’economia che ha raggiunto un livello molto elevato di sviluppo tecnologico. Questo è un enorme svantaggio, per almeno due motivi. 

Nel tentativo di capire se la crescente popolarità di bitcoin rifletta l’emergere di una nuova moneta, siamo arrivati ad una distinzione fondamentale tra mezzi di scambio virtuali e materiali. Questi ultimi sono indipendenti dalla tecnologia e rappresentati da qualcosa di materiale; i primo sono incorporati nella tecnologia e non sono rappresentati da qualcosa di materiale.

L’autore sembra molto preoccupato dal fatto che questa “valuta virtuale” Bitcoin che sta emergendo sia dipendente dalla tecnologia e conclude il suo articolo con questa affermazione enfatica:

 Sul libero mercato, il denaro-merce, e presumibilmente l’oro e l’argento, hanno ancora un grande vantaggio comparativo.

Quello a cui si riferisce come “moneta basata su una commodity” è inesistente oggi.  Prima della Seconda Guerra Mondiale, gli stati nazionali emettevano monete nazionali, alcune delle quali erano agganciate ad una commodity (eg. oro) in rapporti variabili, mentre altre non lo erano. Fin dall’ Accordo di  Bretton Woods nel 1944, le valute nazionali non erano più agganciate direttamente all’ oro. Invece erano agganciate all’oro attraverso l’US$, che era direttamente agganciato all’ oro. Le nazioni che possedevano US$ potevano redimerli in oro ad un rapporto di cambio fisso. Da quanto Nixon ha sospeso la convertibilità nel 1971,  la connessione con l’oro è stata spezzata. Il dollaro e quindi tutte le altre monete nazionali in esistenza oggi non sono supportate ne redimibile in oro o in nessuna altra commodity. Supponiamo, per il gusto della discussione, che l’aggancio con l’oro non sia mai stato eliminato e tutte le valute esistenti al mondo siano indirettamente supportate dall’oro. Chiamiamo le nostre valute esistenti “valute reali” contrapposte al Bitcoin, a cui ci riferiamo come una “valuta virtuale”. L’argomento che le valute reali abbiano un vantaggio sulle valute virtuali perché “queste hanno una forma tecnologica indipendente dalla materia mentre le prime hanno una forma materiale indipendente dalla tecnologia” non ha senso oggi giorno. La “forma materiale” o la natura fisica del denaro ha importanza solo se è scambiato o trasmesso principalmente in forma fisica, come nei tempi antichi. Le valute reali del giorno d’oggi sono lontane dall’ avere una “forma materiale”. Considerate i seguenti due usi di valute reali, uno ad un livello micro e uno ad un livello macro. L’ultimo giorno di ogni mese, ricevete un salario attraverso una serie di numeri nel vostro conto presso il vostro datore di lavoro. Da li, una parte sostanziale è dedotta ed inviata al governo sotto forma di tasse; un’altra porzione viene dedotta ed inviata al fondo pensione, e la lista continua fino a che un numero sostanzialmente più piccolo appare nel computer della vostra banca. Da la, più denaro scompare automaticamente dal vostro conto attraverso addebiti automatici per pagare il mutuo della casa, le bollette, la carta di credito, etc. Mentre correte a casa per usare l’Internet per mandare un bonifico dalla banca a vostro figlio che studia dall’ altra parte del globo, dell’altro denaro viene automaticamente preso da un dispositivo nel vostro veicolo ogni volta che passate per un casello. Dove e quando una persona normale vede o usa il denaro che ha guadagnato nella sua “forma materiale”?? Muovendoci al livello macro, scopriamo che l’utilizzo della “forma tecnologica” delle valute reali è parecchi ordini di grandezza maggiore rispetto all’ uso della sua “forma materiale”. La porzione blu del grafico mostra M0, l’aggregato monetario che rappresenta le monete fisiche e le banconote, forma solo una minima percentuale di M3, che è il totale di tutta la valuta in circolazione che comprende M0 e tutte le altre rappresentazioni elettroniche del denaro. Questo grafico arriva fino al 2007. La creazione di denaro dopo la crisi del 2008 rende il rapporto attuale anche più estremo. Virtualmente tutte le migliaia di miliardi di dollari della massa monetaria globale sono scambiate e spostate in giro per il globo ”attraverso l’uso accessorio di altri beni fisici e specifici”, il che significa, elettronicamente attraverso il sistema bancario moderno.
Agganciate all’ oro o no, le valute reali esistenti, o ogni altra forma di valuta emessa in modo centralizzato (IMF’s SDR, etc) – nessuna può mai essere usata ampiamente nella sua “forma materiale”. A meno che la nostra civiltà ritorni all’ età della pietra, le nostre valute devono essere e in modo crescente avranno una “forma tecnologica”. Bitcoin è la prima e attualmente più diffusa forma di una nuova generazione di valute conosciute come cripto-valute. Bitcoin può avere o meno successo come una valuta di riferimento del futuro; ma una delle molte cripto-valute che sono in competizione (LiteCoin, NameCoin, PPCoin, etc) o qualcuno ancora da inventare certamente avrà un grande vantaggio competitivo rispetto alle valute esistenti. Tutte le forme di valuta con forma ”materiale” hanno per tutti gli usi o motivi acquisito una forma “tecnologica” o elettronica. La sola differenza è che la loro tecnologia è di molto inferiore a quella delle cripto-valute, delle quali Bitcoin è attualmente il leader.

Related Articles:
Will BitCoin Reach Parity With Gold?
GoldMoney discusses the potential & future of BitCoins
New digital currency backed by nothing outperforming all other fiat currencies
BitCoin at parity with silver

Other Resources:
Charts: Gold & Silver priced in BitCoins
Charts: Live BitCoin historical chartsReal time streaming chart
Charts: Live BitCoin exchange rates with LiteCoins other crypto-currencies

Perché Bitcoin è pronto a cambiare la società più di quanto abbia fatto Internet

The bitcoin logo
The bitcoin logo (Photo credit: Wikipedia)

Perché Bitcoin è pronto a cambiare la società più di quanto abbia fatto Internet

di Rick Falkvinge (traduzione Mirco Romanato)

C’è una Bitcoin mania in questo momento, con il prezzi dei Bitcoin che salgono a razzo. Bitcoin non è ancora pronto per il grande pubblico ma, mano a mano che matura, cambierà i modi fondamentali di funzionamento della società molto più di quanto abbia fatto Internet. La rete, dopo tutto, ha solo permesso alle persone di parlare e fare compere in modo più efficiente. Al confronto, Bitcoin sradica la capacità del governo di operare.

Cominciamo guardando a che cos’è Bitcoin. È moneta. È una nuova forma di moneta che non è emessa dal governo. I governi non hanno il monopolio nell’inventare cose con cui puoi scambiare e usare per il baratto. E Bitcoin è uno di questi strumenti di baratto non governativi. La differenza tra Bitcoin e altre rappresentazioni di valore simili che sono state inventate nel tempo è che nessuno ha il controllo dell’offerta di denaro e nessuno controlla il flusso di denaro. Questo significa che nessuno può iniziare ad usare la stampante monetaria per distruggere i tuoi risparmi e nessuno può sequestrare o vedere la tua ricchezza o il tuo reddito. Puoi vederlo come una valuta open-source in confronto ad una valuta proprietaria emessa dallos tato.

Non c’è una banca centrale. Questo è un concetto rivoluzionario. Le persone possono scambiare contanti a distanza senza passare per un intermediario. La prima volta che invii il valore di una tazza di caffè a degli amici in India di Domenica, senza pagare nessuna commissione, e loro ricevono immediatamente il denaro, senza che nessuno tranne voi sappia della transazione, restate a bocca aperta.

Questo sarebbe stata solo una curiosità, se non ci fosse per le aziende un motivo economico, talmente grande da essere ridicolo, di voler tagliare fuori le banche e le compagnie delle carte di credito dal loro processo di vendita, che potrebbe all’incirca raddoppiare i profitti dovuti alle loro vendite. Questo significa che c’è una spinta fortissima ad adottare questa nuova valuta.

Dato che nessuno controlla l’offerta di moneta (la crescita è predeterminata in modo prevedibile e sempre più lento fino al 2140), e la domanda aumenta con una offerta limitata, il prezzo per ogni bitcoin aumenta. Questo è quello che stiamo vedendo adesso,  mano a mano che sempre più persone si rendono conto del potenziale economico di Bitcoin. Inoltre, c’è il valore del concetto che non ti devi fidare di nessuna singola persona per conservate o trasferire Bitcoin – ne il tuo governo, ne lo tua banca, ne la Western Union – che è qualche cosa di completamente nuovo.

Erik Voorhees ha scritto, “Bitcoin è quindi la sola valuta e sistema monetario del mondo che non ha rischio di contro parte nel tenerla o trasferirla”. Questo è assolutamente rivoluzionario e la frase precedente dovrebbe essere riletta nuovamente. [...] Mai prima, nella storia del mondo un individuo ha avuto questa capacità. Non ha precedenti.”

Di conseguenza, perché Bitcoin ha valore? Come è, parlando in modo preciso, denaro? Le persone che lo chiedono tendono ad essere nell’idea che solo gli stati e i governi possano emettere moneta, ma questo non è il caso. Quello che noi vediamo come denaro  è cambiato molte volte, e quando Marco Polo ritornò in Europa dalla Cina nel 13° secolo, la gente lo prendeva in giro per aver portato indietro delle banconote. “Questo non è denaro”, dicevano e bruciarono le banconote cinesi. Il denaro era monete. Se rifiuti Bitcoin semplicemente perché non sei abituato a vedere sequenze di primi numeri rari come denaro, accertati di non rifiutare le banconote come faceva la gente del 13° secolo. Se delle persone le usano per commerciare, è denaro.

Jon Matonis ha un’eccellente pezzo su Forbes dove sfida la nozione che il denaro deve essere emesso da uno stato, e spiega che una valuta per transazioni può competere grazie ai suoi propri meriti e al suo proprio mercato.

È importante realizzare che mente Internet ha cambiato la vita nell’industria della tecnologia Informazione in modo terribile, dal punto di vista del governo, la rete non ha poi cambiato molto. Se non altro, ha rinforzato le strutture esistenti: i consumatori spendono le loro valuta emessa dallo stato in modo più efficiente, il credito è emesso più e meglio da banche regolate dallo stato che espandono l’offerta di denaro e tengono la gente contenta, e ha creato nuove industrie che sostengono l’economia. E permette ai cittadini di inviare certificati al governo in modo più efficiente.

Il solo effetto collaterale della rete, per il governo, è che alcune persone usano Internet per violare i monopoli garantiti dallo stato sulla distribuzione dell’intrattenimento, che è visto come un problema che ha bisogno di essere risolto velocemente e duramente, ma oltre a questo, Internet non è realmente niente di nuovo dal punto di vista del governo. Pensaci la prossima volta che vedi un politico che sembra non comprendere la rete: per loro, se sono stati al governo troppo a lungo, non c’è molto da capire.

Quindi essenzialmente abbiamo quattro differenti tipi di giocatori che fanno andare avanti l’economia, e per estensione, tengono il governo finanziato ed operativo. Una, c’è il governo stesso, che emette denaro e regola le banche. (In questo senso includo anche le banche centrali nella parola “governo”) Due, ci sono le banche commerciali che hanno il completo controllo del flusso monetario, in cambio della condivisione di questa capacità con il governo e di conferirgli il permesso di drenare tutto quello che desidera per continuare ad operare. Inoltre, le banche commerciali espandono l’offerta di denaro quando le persone chiedono credito, in quanto il credito è buono per l’economia per come essa è misurata oggi (“crescita”). Sul fondo della catena alimentare ci sono, tre, le aziende che hanno il compito di far usare questo sistema, facendo passare tutte le operazioni attraverso le banche, e quattro, i cittadini ordinari, che si suppone facciano il lavoro vero e proprio e producano qualche cosa di realmente utile che faccia andare avanti l’intero ecosistema.

Quello che fa Bitcoin è di tagliare fuori le banche, e per estensione, la capacità del governo di operare.

Quelle guerre che avete visto in TV? Sono tutte finanziate da questo meccanismo – l’abilità delle banche di mantenere la gente contenta permettendo lor di spendere denaro immaginario, mentre simultaneamente danno allo stato nazionale l’abilità di controllare il flusso di denaro come desidera (e prendersene quanto gli pare per se stesso).

Ora, Bitcoin non sosterrà la sua adozione solo perché è impervio alla sorveglianza e al controllo dello stato. Piuttosto, la sua adozione sarà spinta dal fortissimo interesse delle corporazioni di tagliare fuori dal giro le banche – in particolare, tagliare i profitti delle banche derivanti dai loro profitti

La normale reazione per un governo sarebbe quella di usare il suo intero arsenale di violenza contro ogni fenomeno che minacci l’abilità del governo di funzionare a questo livello. Ma Bitcoin è resiliente a questo. Non c’è un punto centrale che può essere chiuso. Non puoi puntare una pistola ad un numero primo e aspettarti che le cose cambino. E noi tutti sappiamo quanto efficace siano stati i tentativi del governo di chiudere le rete peer-to-peer (anche se è stato un problema a bassa priorità fino ad ora di cui non si sono veramente interessati).

Un po’ di tempo fa, ho scritto che Bitcoin è “Il Napster del sistema bancario”. Forse c’è una analogia migliore – forse è lo Skynet del sistema bancario. Non c’è un mainframe centrale da spegnere, e l’intelligenza in Bitcoin è completamente distribuita e ha il solo obiettivo di rendere obsoleto il sistema bancario.

Al riguardo, la gente del Business Insider che compara il commercio di Bitcoin e il suo attuale picco di prezzo con la bolla intorno ai Beanie Babies (http://en.wikipedia.org/wiki/Beanie_Baby) del secolo precedente (una popolare bambola americana della fine degli anni ’90) appaiono pericolosamente miopi e ignoranti . Bitcoin non è un giocattolo soffice, non è una commodity. È un accordo economico, e come tale, ha valore come ogni altro contratto che migliora i propri affari. Questo particolare contratto migliora ogni affare a parte quelli delle banche.

Quindi Bitcoin è pronto a prendere il controllo del mondo? Niente di tutto ciò.

Ci sono molti problemi con Bitcoin oggi, ma diventano meno severi dei problemi che lo affliggevano uno, due, tre anni fa. In breve, stiamo vedendo strappi sistemati, increspature lucidate, e sbavatura rettificate. Ma ci sono molte ragioni su perché Bitcoin non può prendere adesso il posto delle monete emesse dagli stati, anche se è su una traiettoria diretta per poterlo fare nel prossimo decennio o nei prossimi decenni.

La liquidità del denaro emesso dallo stato è una cosa che mi colpisce immediatamente. In qualsiasi economia, c’è bisogno di ponti tra i differenti sistemi di pagamento che sono utilizzati. Oggi, la vasta maggioranza di questi ponti e gestita da un cambiavalute giapponese conosciuto come MtGox. Questo è un inaccettabile singolo punto di fallimento in un ecosistema (provato da due ore di non funzionamento oggi). Inoltre, lag di 10 minuti sono comuni per il motore di scambio di MtGox (sto vedendo 400 secondi di lag mentre scrivo), il che è ridicolo quando il grande mondo finanziario gestisce scambi in micro e nanosecondi .

Bitcoin ci sta arrivando. Ma non c’è ancora arrivato. Quando sarà li, aspettatevi il panico tra i governi e che la società cambi la sua forma in qualche cosa dove il governo non può  basarsi sulla tassazione del reddito o della ricchezza per andare avanti.

Questo è un cambiamento della struttura sociale più grande dell’abilità di cercare e condividere cultura e conoscenza che abbiamo ottenuto con la rete.

Sull’Autore

Rick è il fondatore del primo Pirate Party (Partito Pirata) ed è un evangelista politico, che viaggia in giro per l’Europa ed il mondo per parlare e scrivere al riguardo di idee su una politica dell’informazione sensata. Ha un passato di imprenditore tecnologico e ama il whisky.


Enhanced by Zemanta

Bitcoin – L’introduzione Libertaria

Bitcoin – The Libertarian Introduction

(traduzione Mirco Romanato, revisione Giuseppe Tararà)
***Originally published in Freedom’s Phoenix Magazine – April 13, 2012
***Republish, copy, and distribute at will.

Bitcoin  – L’Introduzione Libertaria

Che cosa è, come si usa, e perché dovrebbe Interessarvi
.
Erik Voorhees – April 11, 2012
Quando la moneta dello stato viene sfidata , lo stato stesso viene sfidato,
e le forze del mercato si muovono rapidamente intorno a inibitori malati che si svalutano.
· Introduzione
· Che cosa è Bitcoin?
· Come funziona?
· Perché Bitcoin ha valore?
· No davvero, perché Bitcoin ha valore?
· Come si fa a ottenerlo?
· Stare attenti con i soldi
· Che cosa ci si può fare?
· Bitcoin contro lo Stato
· Bitcoin e Turbativa
· Risorse utili
Introduzione
Si è parlato molto negli ambienti libertari ed economici di Bitcoin. Sta diventando una parola d’ordine, ma come tutti i nuovi sistemi che irrompono velocemente sulla scena pubblica, Bitcoin porta con sé entusiasmo, speculazione, voci, e grande confusione. A dire il vero, Bitcoin è complicato. Dopo tutto, si tratta di un sistema monetario globale completamente nuovo – sia una valuta e una rete di pagamento per tale valuta
Come per tutti gli strumenti potenti, è importante che chi è interessato a usare Bitcoin impegni del tempo per conoscerlo adeguatamente. Come per una bicicletta, una volta che si saprà come usare Bitcoin, apparirà molto facile e comodo. Ma come con una bicicletta, si potrebbero passare anni ad studiare la fisica che gli permette di funzionare. Tale conoscenza non è necessario per ad un semplice ciclista, e allo stesso modo ci si può godere il mondo di Bitcoin, con poco più di una sana curiosità e un po ‘di pratica.
Questo articolo copre le basi di Bitcoin: una visione d’insieme di questo nuovo e affascinante fenomeno dal punto di vista di un umile libertario che si preoccupa di più delle conseguenze per la libertà umana che del brillante protocollo, della tecnologia e della scienza che stanno alla base della rete.
I principi fondamentali di Bitcoin vengono spiegati tutti qui, e vanno da una leggera panoramica tecnica alle precauzioni minime alla teoria economica e monetaria . Troverete anche una lunga lista di risorse per aggiornavi sulla cosa più affascinante che sia accaduta nel mondo della tecnologia anarco-capitalistica dopo la stessa Internet.
Che cosa è Bitcoin?
Bitcoin è due cose: è una unità di valuta digitale ed è la rete globale di pagamento con cui si inviano e ricevoni tali unità di valuta. Sia l’unità di valuta che la rete di pagamento condividono lo stesso nome: Bitcoin.
Come unità di valuta, considerate Bitcoin come altre valute. Il mondo ha euro, dollari, yen, once d’oro e d’argento, e ora ha pure Bitcoin. Le caratteristiche di Bitcoin come valuta sono le seguenti:

·         Non ci saranno mai più di 21 milioni di bitcoin esistenti e vengono emessi ad una velocità che si riduce con il tempo (al momento in cui scrivo esistono circa 8,5 milioni di bitcoin).

·         Mentre le nuove monete sono emesse ad una velocità predeterminata, esse sono assegnate casualmente a chi contribuisce la capacità di calcolo che rende sicura la rete. Questo viene chiamato “Minare Bitcoin” ma dovrebbe essere chiamato più accuratamente “Verificare i Bitcoin.” Quelli che contribuiscono a questo compito con maggiore capacità di calcolo hanno maggiori probabilità di ricevere le nuove monete, ma la velocità di creazione di nuove monete non aumenta mai (in realtà diminuisce nel tempo fino a che non si arriverà ad avere 21 milioni di monete esistenti). Quindi l’inflazione è predeterminata e sempre decrescenteverso lo zero. Il grafico sotto mostra la velocità di rilascio e il rateo di inflazione:
·         Ogni Bitcoin è divisibile per cento milioni. Quindi è possibile possedere fino a 0.00000001 Bitcoins.
·         I Bitcoin sono perfettamente fungibili, si possono dividere e riunire senza problemi nel tuo conto.
·         Teoreticamente è impossibile creare un Bitcoin falso (per comprendere a pieno perché questo è vero è necessario studiare criptografia e matematicapiuttostoavanzata).
·         Essendo una valuta che esiste in un mercato completamente libero, i Bitcoin hanno sempre un prezzo di mercato. Al momento in cui scrivo, questo prezzo è di circa 4,8 US$ l’uno. A causa del fatto che Bitcoin è globale, ci sono anche prezzi dimercato per ogni principale valuta nazionale come yen e real brasiliani.
·         I Bitcoin sono scambiati come altre valute su siti web di cambiavalute(exchange), e questo è come viene stabilito il prezzo di mercato. Il cambiavalutepiù grande è MtGox.com
Questi sono i dettagli di Bitcoin come una unità valutaria, ma Bitcoin è anche una rete di pagamento. Come rete di pagamento, Bitcoin rimpiazza le funzioni delle banche (in particolre della Federal Reserve in quanto la creazione di nuova valuta non dipende dalla volontà di una qualsiasi persona o di un gruppo), rimpiazza le funzione delle reti di finanziamento interbancario (come SWIFT e SEPA), i servizi di pagamento (come PayPal) e i trasmettitori di denaro (come Western Union). L’interezza di queste industrie per quel che riguarda la creazione, conservazione, contabilizzazione e trasferimento di denaro viene sostituita da Bitcoin. Se Bitcoin ha successo, è probabile che PayPal e Western Union saranno rimosse dal mercato. La Federal Reserve (e ogni altra banca centrale) saranno rese inutili. Chiamarla “Tecnologia sconvolgente” quindi è un eufemismo.
Come funziona?
Ma come funziona Bitcoin, mi domanderete? Come rimpiazza le funzioni per le quali ci siamo dovuti affidare per tanto a lungo a (e siamo stati prigionieri di) governi, banche e compagnie di pagamento?
Per usare Bitcoin, normalmente si deve scaricare un software (sebbene si possa anche usare un sistema di “ewallet” (borsellino elettronico, NdT) che sarà discusso in seguito). Il software funge come il tuo “conto bancario”. Il programma conserva un codice segreto sul tuo computer, e questo codice permette di spendere i fondi del tuo conto bancario. Nella terminologia di Bitcoin, questo conto bancario viene chiamato il tuo “wallet.” (portafoglio NdT). In questo modo il tuo conto bancario risiede nel tuo computer, e chiunque abbia questo wallet software può inviare e ricevere Bitcoins ad altre persone che dispongano di un wallet software in qualsiasi parte del mondo. Questa cosa avviene tanto velocemente e facilmente quanto mandare una email (o anche più facilmente, perché non devi preoccuparti di scrivere un messaggio!).
Non hai bisogno di avere un nome, un indirizzo, un numero di Sicurezza/Schiavitù Sociale, o qualsiasi altra informazione personale di ogni genere. Nessuno deve “approvare” il tuo uso di Bitcoin. Bitcoin è un sofware libero e open-source. Lo puoi ottenere da Bitcoin.org.
Le transazioni sono inviate a e rese sicure dall’utilizzo di quello che è conosciuto come “crittografia a chiave pubblica”. Ogni conto ha una chiave pubblica (public key) e una chiave privata (private key) ed entrambe sono delle lunghe serie di numeri e lettere. Il tuo sofware di wallet conosce la tua chiave privata, e questo gli permette di inviare denaro. Per inviare denaro a qualcuno basta semplicemente conoscere la sua chiave pubblica (in pratica il numero dei suo conto bancario). Se possiedi sia la tua chiave privata che la pubblica a cui inviare, può essere creata una transazione e i fondi vengono dedotti dal tuo conto e accreditati sul conto del ricevente, senza che nessuno possa fare nulla al riguardo.
Come ho detto, il tuo conto è definito semplicemente da una lunga stringa di numeri e lettere:
1PGFCtrJHUsc7fs4LGWLmXUEwuKyDaHuRa
Quindi, il tuo conto non ha informazioni personali collegate. Non hai bisogno di divulgare una qualsiasi informazione quale che sia per ottenere un conto in Bitcoin. Questo significa che puoi ricevere, conservare e spendere Bitcoin in modo relativamente anonimo. L’ anonimia è relativa perché se tu pubblichi il tuo indirizzo in qualsiasi modo che lo possa far attribuire a te (come la tua pagina Facebook), allora naturalmente una persona può vedere che quel conto appartiene a te e il denaro che va a quel conto non è più anonimo.
Quindi Bitcoin funziona come una rete peer-to-peer sulla quale i possessori di conti possono trasferire valuta Bitcoin tra conti istantaneamente e con relativa anonimità. Fino a che il proprietario di un conto protegge la sua chiave privata, i suoi fondi rimangono perfettamente sicuri e solo lei può inviarli a qualcun’ altro (e nessuno può impedirglielo).
Perché Bitcoin ha valore?
Questo è forse l’argomento più importante da discutere, in quanto tutto il resto non ha importanza se i Bitcoin non hanno valore. Che cosa da un qualche valore ai Bitcoin? Non sono semplicemente “finti”? Non sono semplicemente una valuta virtuale inventata? Molti dicono “Io non posso tenerla in mano, Io non posso vederli, e quindi sono artificiali e non valgono il mio tempo.” vediamo di mettere in discussione questa comprensibile reazione iniziale. Dimostriamo perché Bitcoin è reale e vale veramente il tempo di qualcuno.
La privacy finanziaria è stata a lungo simboleggiata dal noto “conto in una banca Svizzera”. Ma, chiunque abbia un conto in una banca Svizzera deve avere fiducia in quella banca, e come abbiamo visto nell’ultimo paio di anni la “privacy bancaria” anche in Svizzera è un mito – le banche si stanno piegando al governo degli Stati Uniti e divulgano informazioni sui loro clienti. Quindi, immaginate di avere un conto bancario svizzero numerato, ma senza dovervi preoccupare della banca Svizzera. Questo è Bitcoin. Invece di piazzare la vostra fiducia in una banca regolata da leggi e governata da esseri umani fallibili, Bitcoin vi permette di piazzare la vostra fiducia in un ambiente criptografico non regolato governato da una matematica infallibile. 2+2 sarà sempre uguale a 4, non importa quante pistole il governo punti contro l’equazione.
Bitcoin quindi è la sola valuta e sistema monetario al mondo che non ha rischi di controparte nell’essere conservata e trasferita. Questo è assolutamente rivoluzionario e dovreste rileggere la frase precedente di nuovo. I sostenitori dell’orofaranno notare che un lingotto d’oro non ha rischi di controparte, ma questo è vero solamente se lo conservatea casa vostra. Conservatelo in un deposito di sicurezza o in una banca e avrete un rischio di controparte. E trasferire dell’oro? Dovete fidarvi di ogni sorta di persone se desiderate trasferire il vostro oro da qualche altra parte o spenderlo a distanza.
Bitcoin implica il completo possesso del denaro sia mentre viene conservato che mentre viene trasferito. Nessuno può impedirvi di possederlo. Nessuno può impedirvi di spenderlo. Anche se qualcuno irrompe nella vostra casa o il governo emette un “ordine di confisca” (come fecero con l’oro nel 1933 (negli USA, NdT)), i vostri Bitcoin sono perfettamente al sicuro. Provate a fuggire da un paese con 1,000,000 $ in monete d’oro senza che il governo lo sappia. Più facile da dire che da fare. Con Bitcoin, è quasi più facile farlo che dirlo – potreste mettere 1,000,000 di $ in Bitcoin in una penna USB, o semplicemente scrivere la chiave privata su un pezzo di carta, o semplicemente spedire via email il file del wallet a voi stessi per recuperarlo fuori dal paese.
Cominciate a vederne il valore? Mai prima nella storia del mondo un individua ha avuto questa abilità. Non ha precedenti.
No davvero, perché Bitcoin ha valore???
A questo punto gli scettici dovrebbero dire, “va bene, puoi spendere e conservare bitcoin senza interferenze, ma che cosa da loro il loro valore iniziale? Perché hanno un prezzo?” Si tratta di una buona domanda e anche economisti esperti hanno difficoltà a dare una risposta.
Ba in realtà, la risposta è semplice.. I Bitcoin hanno valore perché A) sono utili e B) sono scarsi. Combinate questi due attributi in qualsiasi cosa e scoprirete che ha un prezzo. Nel momento in cui il primo Bitcoin è stato scambiato per qualche altra cosa, un rapporto di scambio (un prezzo di mercato) è stato stabilito. Chi li ha scambiati in seguito ha concordato o no con quel rapporto di scambio, e fatto i successivi scambi di conseguenza. Bitcoin quindi ha sviluppato spontaneamente un prezzo, come fanno tutte le cose in un mercato libero se sono abbastanza utili e abbastanza scarsi
Diamo uno sguardo al valore un può più approfondito, perché si tratta di un punto di discussione al riguardo di Bitcoin. Ci sono molti (incluso Paul Krugman) che credono che i Bitcoin non valgano nulla e non siano più che una bolla speculativa e una moda.
Io non mi aspettavo che Krugman “ci arrivasse”, ma economisti veri e più saggi di lui hanno solo bisogno di osservare i metalli per comprendere perché i Bitcoin hanno valore. Dopo tutto, qualsiasi grande sostenitore di oro e argento come denaro si spera che capisca perchéquesti metalli dovrebbero essere moneta. La risposta è che questi metalli tendono ad essere scelti come moneta in un mercato libero, a causa delle loro proprietà specifiche che li rendono utili come mezzi di scambio. Sono le proprietà di oro e argento – proprietà che solo questi metalli hanno— che li rendono una moneta eccellente.Sono scarsi, fungibili, uniformi, trasportabili, hanno un elevato rapporto valore-per-peso, sono facilmente identificabili, sono molto durevoli, e la loro produzione è relativamente continua e prevedibile. Confrontateli con altri beni come polli, conchiglie, o la sabbia, e scoprirete che nessuno di questi ha delle caratteristiche buone come quelli dei metalli preziosi. I polli non possono essere tagliati a metà e riuniti, le conchiglie non sono uniformi, e la sabbia è troppo abbondante per essere usata come denaro. Perché non usare altri metalli.. perché non usare il ferro come denaro? Non è abbastanza scarso – avreste bisogno di portare carrettate di ferro al negozio per fare la spesa.
Come un qualsiasi economista della Scuola Austriaca vi può dire, la moneta in un mercato libero è semplicemente qualsiasi merce che abbia le proprietà più soddisfacenti per uno scambio utile. Oro e argento vincono la medaglia ogni volta che un governo violento non si mette di mezzo… o al meno questo è storicamente vero. Ma, questo non significa che oro e argento siano “denaro perfetto e infallibile.” Infatti, ci sono problemi pratici. Una persona non può dividere e riunire facilmentedelle monete d’argento per avere il resto. Uno non può facilmente inviare grandi valori di oro a distanza senza pagare per la sicurezza e aspettare che il trasporto avvenga. Uno deve pagare dei costi di immagazzinamento o rischiare il furto in casa. E, sebbene difficile, è possibile creare dei falsi lingotti d’oro e d’argento e spacciarli come se fossero veri.
Da questo deriva che oro e argento non sono denaro perfetto (sebbene si debba ammettere che sono il meglio che abbiamo avuto), e forse l’umanità può scoprire o inventare qualche cosa che sia anche meglio. Questo è l’esperimento Bitcoin – la domanda se Bitcoin, con i suoi specifici attributi, sia una forma di denaro migliore di quelle che il mercato usa adesso (o nel caso di valute a corso legale, è forzato ad usare). Se la Scuola Austriaca ha ragione, e il mercato tende a scegliere come moneta il medium di scambio che funziona meglio, e gli attributi specifici di Bitcoin lo rendono una eccellente moneta, allora forse, con il tempo, il mercato userà sempre di più Bitcoin come moneta.
La risposta, per ora, è positiva. Bitcoin sta trovando sempre più nicchie disponibili ad usarlo per prime, cosa che sostiene ulteriormente il suo prezzo di mercato, dando confidenza a chi li possiede che manterranno il loro valore e questo permette a Bitcoin di essere impiegabile per ancora altri scopi. Si tratta di un processo organico e confuso, pieno di prove ed errori, buche in cui inciampare, e brillanti innovazioni e terribili fallimenti. Ma non è questo esattamente quello che succede in ogni libero mercato? Ogni giorno una economia più resiliente viene costruita e non sotto la minaccia di una pistola, ma volontariamente – non per un decreto di Bernanke, ma attraverso un ordine spontaneo, auto-interessato e privato.
Molti hanno sostenuto l’argomento che “i Bitcoin non sono garantiti da niente”. E questo è vero. I Bitcoin non possono essere redenti per un valore fisso, ne è legato ad una qualsiasi valuta o commodity. Ma neanche l’oro. L’oro non è garantito da nulla – ha valore perché è utile e scarso. Le auto non sono garantite da nulla, sono semplicemente utili come automobili e quindi hanno valore. Il cibo non è garantito, ne lo sono i computer. Tutti questi oggetti hanno valore proporzionale alla loro utilità e scarsità, e una persona deve solo vedere l’utilità dei Bitcoin per comprendere perché, senza il supporto di un qualsiasi governo o corporazione, senza essere legato ad una qualsiasi valuta a corso forzoso o merce, esso domanda giustamente un prezzo sul libero mercato.
Come si fa a ottenerlo?
Quando una persona comprende perché i Bitcoins sono utili e quindi hanno un valore, può avere il desiderio di ottenerne alcuni. Ma come? Be’, come fa una persona ad ottenere una qualsiasi valuta? Ci sono due metodi di base, sia vendere beni e servizi in cambio della stessa, o comprandola da un cambiavalute.
Esaminiamo prima l’acquisto da un cambiavalute. Gli “Exchange” sono semplici siti web dove compratori e venditori si riuniscono per scambiare una valuta con un’altra. Se hai un conto presso un exchange e dai al cambiavalute dei Biglietti di Bernanke (dollari statunitensi, NdT), puoi comprare dei Bitcoin.
Quello che si deve fare in pratica è quello che segue:
Passo1) Creare un account gratuito presso un exchangeaffidabile comeMtGox.com o (principalmente per gli europei) BitStamp.net.
Passo 2) Dare del denaro all’ exchange usando un internediario comeDwolla.com o (molto più velocemente e con un costo inferiore) BitInstant.com.  Dwolla si collegherà al tuo conto in banca e impiegherà 3-5 giorni per muovere il denaro dalla tua banca all’ exchange. BitInstant, per paragone,permette depositi di contanti anonimi fino a $500 alla voltae impiega meno di un’ora. Questi depositi in contanti possono essere fatti da te presso una qualsiasi delle filiali principali di una banca(non hai neanche bisogno di un conto bancario). Entro 30-60 minutidal momento del deposito dei contanti, BitInstant accrediterà sul tuo conto presso l’ exchange i tuoi US$Puoi avere i tuoi primi Bitcoins 30 minuti dopo aver letto questo articolo.
Passo 3)Una volta che i tuoi fondi sono arrivati all’ exchange, puoi comprare bitcoins al prezzo corrente del mercato. Le monete, quindi, staranno nel tuo conto presso l’exchange fino a che non le invii da qualche altr parte (al tuo wallet personale o a qualcuno che desideri pagare, etc). Se desideri vendere Bitcoin in cambio di dollari, semplicemente fai il contrarioinvia Bitcoin all’ exchange, vendili in cambio di dollari e trasferisci i dollari alla tua banca.
Il mercato dei Bitcoin è ampiamente liquido e opera 24/7 senza festività. Gli exchange sono accessibili da qualsiasi paese del mondo e supportano tutte le più importanti valute nazionali (abili cambiavalute possono realizzare che usando Bitcoin ci sono interessanti opportunità di arbitraggio e modi per comprare valuta in paesi soggetti a controllo dei capitali).
L’altro modo di ottenere Bitcoin è di vendere beni e servizi in cambio, proprio come si vendono beni e servizi in cambio di dollari. Essere in grado di ricevereBitcoins è tanto semplice quanto mettere il tuo indirizzo Bitcoin sulla tua pagina web, e puoi ottenere automaticamente questo indirizzo una volta che hai un wallet per Bitcoin. Non ci sono registrazionida fare o “approvazionida ottenere per essere in grado di accettare Bitcoin. Puoi avere una qualsiasi età ed essere in un qualsiasi paese. Semplicemente procurati un wallet software(dabitcoin.org) o usaun“ewallet” come quelli diPaytunia.com, e incolla il tuo indirizzo Bitcoin in modo che il mondo lo veda. Chiunque conosca il tuo indirizzo Bitcoin può inviarti dei Bitcoin istantaneamente.
Per le piccole imprese che preferirebbero un metodo più avanzato per accettare e registrare i pagamenti con Bitcoin, per gli ordini via web, ci sono alcune buone soluzioni commerciali. Paysius.comè la migliore – si inserirà nel tuo sito (usando dei plug-in per i carrelli più comuni) e permetterà ai vostri clienti di selezionare “Bitcoin” come metodo di pagamento al checkout al posto della carta di credito o di PayPal, etc. (questo non rimpiazza questi metodi, semplicemente da ai vostri clienti una opzione in più). Inoltre, dato ce pochissime imprese possono pagare i loro salari e i fornitori in Bitcoin (per adesso), sistemi come Paysius danno alle imprese la capacità di convertire automaticamente i Bitcoin ricevuti in normali $US e farli depositare nel conto corrente bancario dell’azienda. I costi sono molto più bassi rispetto a quelli delle carte di credito, e i pagamenti in Bitcoin non possono essere annullati (è impossibile annullare un pagamento Bitcoin) quindi i venditori possono accettare in modo sicuro i pagamenti da qualsiasi paese senza rischi di annullamento, che dovrebbe essere un sollievo per coloro che sono rimasti bruciati dall’esperienza con PayPal o dalle frodi con le carte di credito. Oltre che Paysius.com, Bit-pay.comè un’altra buona opzione per i i venditori che vogliono accettare Bitcoin.
Questo è tutto – questo è come potete ottenere Bitcoins. Semplicemente comprateli, o vendete qualche cosa in cambio.
Stare attenti con i soldi
Qui è dove parecchie persone sono giustamente preoccupate. Bitcoin richiede un livello molto alto di responsabilità personale, e quindi l’utente ha bisogno di conoscere le regole basilari per usare Bitcoin in modo sicuro. La cattiva notizia è che se fate una cavolata, potete perdere del denaro e non riaverlo mai indietro. La buona notizia è, con un po’ di consigli e di pratica, potete usare Bitcoin in modo estremamente sicuro, senza paura di perdite. Non cominciate ad usare i Bitcoin senza comprendere questi concetti basilari:
Concetto 1) I Bitcoins sono come i contanti e quindi salvati in uno specifico luogo fisico. Questo significa che dovete sempre tenere a mente dove stanno i vostri Bitcoins, e quale rischio quel luogo presenta. Per esempio, se le vostre monete sono sul vostro computer, e non avete un loro back-up da qualche altra parte (si, si possono tenere in un back-up facilmente), e il computer si rompe, il vostro denaro è perso. Non c’è nessuna azienda che potete chiamare per lamentarvi della cosa. … il denaro è perso per sempre. Allo stesso modo, se conservate le vostre monete presso un servizio online (come un ewallet o un exchange), allora vi state fidando che quel servizio tenga le vostre monete al sicuro. Se date le vostre monete a qualcuno che non è affidabile, questi possono andarsene e voi non riavrete mai le vostre monete indietro. Non dareste 100$ in contanti a qualcuno di cui non vi fidate. Lo stesso vale con Bitcoins. Quindi, se le monete sono in vostro possesso (sul vostro computer o smartphone), dovete ricordarvi di loro, fare dei back-up, e tenere il vostro sistema sicuro. Se le vostre monete sono tenute per voi da qualcun’ altro, allora dovete essere capaci di fidarvi di quella parte.  Questo è il più importante concetto per la sicurezza di Bitcoin.
Concetto 2) Quale che sia il posto dove tenete i vostri Bitcoins, saranno protette con delle password. Se le monete sono sul tuo computer nel tuo file wallet, e qualcuno apprende la password del tuo wallet e ottiene il file del tuo wallet, allora può spendere le tue monete! Allo stesso modo, se tieni le monete presso un fornitore di servizi, e qualcuno apprende le tue informazioni di login, questa persona può rubare le tue monete. Usa password complesse ogni volta che hai a che fare con Bitcoin (più di 12 caratteri) e tienile sempre in un posto sicuro. I fondi non sono protetti dall’assicurazione obbligatoria governativa FDIC sussidiata dai contribuenti – una banca di Bitcoin non può semplicemente scrivere dei numeri nel tuo conto per rimpiazzare i fondi rubati dalla tua propria incuranza con la tua password.
Concetto 3) Quando le monete sono sul vostro computer(il che significa che state usando il wallet software fornito da bitcoin.org), la prima volta che aprite il vostro wallet software avrete la necessità di creare una password per criptare il vostro wallet (vedere sopra). Dopo aver creato questa password (non dimenticatela mai), DOVETE fare un backup del file del vostroin un luogo differente. Questo file è dove il vostro denaro è immagazzinato. Il file è “wallet.dat” e farne un backup è tanto semplice quanto copiare il file e metterlo da qualche altra parte. Per trovare il vostro file wallet.dat:
———
Su Windows, dovete prima dire al computer “Mostra file e cartello nascoste” – cercate online su come farlo. Poi, potete trovare il vostro wallet qui:
C:\Documents and Settings\YourUserName\Application data\Bitcoin (XP)
C:\Users\YourUserName\Appdata\Roaming\Bitcoin (Vista and Windows 7)
Se state usando un Mac, potete trovarlo qui:
~/Library/Application Support/Bitcoin/
——–
Mettete questo file wallet.dat in una penna USB nella vostra cassaforte o mandatelo per posta ai vostri genitori. Scrivetelo su un CD e mettete il CD in una cassetta di sicurezza di una banca. Mettetelo su un computer differente. Potete anche spedire il file via posta elettronica a voi stessi. Meglio ancora, fate due o tre delle cose che sono state dette prima. Se fate delle copie di sicurezza correttamente e le tenete al sicuro, la probabilità di perdere i vostri Bitcoin sarà minore di quella di morire in un incidente automobilistico. Se non fate dei backup la probabilità di perdere le vostre monete sarà elevata. Nota Importante: se usate più di 100 indirizzi Bitcoin nel vostro wallet, dovrete fare un nuovo file di backup (il primo backup non sa nulla del 101esimo indirizzo).
Concetto 4) I sostenitori della libertà amano il libero mercato. Ma, con la libertà, viene la responsabilità. Bitcoin esiste in un libero mercato. Non è regolato, tracciato, o supervisionato niente altro che da matematica fredda e dura. Quindi, le compagnie e le organizzazioni che trovate nella Terra dei Bitcoin spesso sono private e non sono regolamentate. Una compagnia basata su Bitcoin non ha neanche bisogno di essere registrata in un qualsiasi luogo, perché non ha bisogno di un conto corrente commerciale o di un numero di estorsione dell’ IRS (conosciuto come un EIN) (in Italia si chiama Partita IVA NdT). Sebbene questo significhi che Bitcoin permette un vero commercio libero su scala globale, significa anche che gli utenti di Bitcoin devono essere prudenti e cauti. Non comprate cose da compagnie o siti web di cui non vi fidate. Potreste non rivedere mai i vostri soldi e non c’è modo di annullare una transazione. Con Bitcoin, la reputazione e la storia sono tutto. Se non dareste dei contanti ad uno straniero in un vicolo, non date dei Bitcoin ad uno straniero online. Godetevi il mercato libero e siate adulti responsabili.
Concetto 5) Ricordate che Bitcoin dovrebbe ancora essere considerato un esperimento. Per quanto il sistema abbia già provato di essere resiliente, è ancora nuovo. Il valore dei Bitcoin potrebbe andare a zero domani. Questo significa che non si deve in nessun caso investire denaro in Bitcoin che non possono permettersi di perdere. Bitcoin è una commodity estremamente volatile con un futuro estremamente incerto. Le nonne non dovrebbero tenere il denaro per la pensione in Bitcoin (ma nemmeno in $ US, per altro).
Che cosa ci si può fare?
La risposta breve è che ci potete fare di tutto, ma potreste doverlo costruire prima! Bitcoin permette ogni genere di scambio o affare che uno possa immaginare, ma essendo così nuovo, molto di quello che può essere immaginato è ancora nel regno dell’immaginazione. Degli imprenditori stanno costruendo e testando sistemi basati su Bitcoin ormai da un paio di anni, ma la stragrande maggioranza del potenziale di Bitcoin rimane inutilizzato. Ogni imprenditore orientato alla libertà dovrebbe considerare questo punto.
Per quello che è disponibile adesso, le cose più semplici che uno può fare con Bitcoinè comprare prodotti e servizi da chiunque accetti Bitcoin. Una lista parziale può essere trovata qui:https://en.bitcoin.it/wiki/TradeC’è anche un mercato che sta esplodendo di sostanze illecite conosciuto come Silk Road, dove quasi ogni sostanza immaginabile può essere comprata con Bitcoin. Accedere a Silk Road richiede ulteriori precauzioni di sicurezza come l’utilizzo di Tor che sono oltre gli obiettivi di questo articolo.
Di seguito, le donazioni sono rese molto più efficienti attraverso Bitcoin. Gruppi da Wikileaksad aziende cinematografiche indipendenti ecanili accettano donazioni inBitcoin. Bitcoin funziona alla grande per le donazioni perché rende possibile microdonazioni (non puoi mandare $0.10 ad un ente caritatevole usando PayPal, perché le commissioni sono più grandi di 0.10$ma con Bitcoin puoi). Se vuoi accettare donazioni per qualsiasi motivo, metti un indirizzo Bitcoin sul to sito Web. Non costa nulla. Vuoi donare WikiLeaks? Questo è il loro indirizzo

1HB5XMLmzFVj8ALj6mfBsbifRoD4miY36v  
Ti piace scommettere? Bitcoin permette ai giocatori degliUSAdi giocare veramente a pocker online. Il governo non può fermare i pagamenti, dopo tutto. Siti comeSealsWithClubs.eu stanno guadagnando popolarità, con casinos anche più grandi che stanno venendo creati.
Vuoi mandare del denaro ad un amico o alla famiglia all’estero? Usa Bitcoin. Invece dipagare Western Union $40, manda dei Bitcoin gratuitamente. Il mercato delle rimesse sono un’area dove Bitcoin brilla veramente, perché attraversa i confini istantaneamente e senza possibilità di essere regolato o subire interferenze. Allo stesso modo, se sei in un posto come la Cina o la Bielorussia [ o Cipro NdT] che hanno controllo dei capitali, se puoi metter le tue mani su Bitcoin allora puoi immediatamente trasferire ricchezza fuori dal paese in altre valute.
Vuoi dell’oro o dell’argento per conservare il valore acquisito attraversoBitcoin? Prova un sito comeCoinabul.com
Lavori con freelancers o hai una azienda che deve pagare gente in altri paesi? Usa Bitcoin. Dopo tutto, Bitcoin permette pagamenti “in nero” a chiunque, ovunque. Pagare un contractor in Italia o in India adesso è facile come mandare una email.
Vuoi proteggere il tuo patrimonio e muoverlo discretamente? Bitcoin trascende tutti i confini e tutte le regolamentazioni. Non avrai più bisogno di avere il tuo patrimonio fermo in un conto che può essere congelato o confiscato .
Di base, qualsiasi cosa possiate fare in genere con il “denaro”, potete farlo con Bitcoin – ma senza avere nessuna restrizione governativa su questa attività.  Se siete un negoziante, perché non iniziate ad accettare Bitcoin come pagamento? Èfacile da integrare se usate un sistema come Paysius.com.
Se pensate che Bitcoin possa essere usato in un modo nuovo e creativo, allora costruite il sistema! Solo poche persone comprendevano il potere di internet all’inizio degli anni ’90s, e lo stesso è vero con Bitcoin. E proprio come internet, sta attraendo creatori ed imprenditori da tutto il mondo.
Bitcoin contro lo Stato
Adesso c’è la parte più divertente, quella che è particolarmente rilevante per ogni discussione libertaria al riguardo di Bitcoin. Questo è il modo con il quale Bitcoin supera il controllo statale. “Okay,”mi dice la gente “quindi Bitcoin è nuovo e il governo non lo ha ancora regolato, ma lo farà!” Sfortunatamente, per il governo, non può. Nessuna persona o gruppo può infischiarsene delle leggi della matematica sulle quali Bitcoin è costruito.
Ma prima vediamo i modi con cui il governo potrebbe interferire con il sistema Bitcoin.
I siti web privati o un server ospitato possono essere fatti chiudere dal governo. Lo abbiamo visto con chiarezza recentemente (nel 2012) quando MegaUpload è stato chiuso dal governo degli USA, anche prima di un processo o che fosse scoperta una qualsiasi attività criminale. Si deve presumere che il governo possa chiudere ogni sito che desidera chiudere, con o senza la copertura legale di legislazioni come SOPA e PIPA (che semplicemente danno una bendizione legale a poteri già posseduti ed utilizzati). Questo significa che ogni sito web che usi Bitcoin può essere rimosso e chiuso. I cambiavalute sarebbero il primo bersaglio.
Però, anche in questo caso il governo ha dei problemi, perché i siti web possono essere replicati, copiati e nascosti molto facilmente. Chiudere un sito Bitcoin sarebbe come tagliare le teste dell’Idra – per ogni testa tagliata con successo, motivi di profitto e pubblicitari farebbero spuntare nuovi siti (caso in questione:quanti siti di filesharing esistono, oltre a MegaUpload?).
Infatti, certi siti si sono dimostrati completamente impossibili da chiudere per il governo. Prendete l’esempio di Silk Road, che è un sito che vende sfacciatamente sostanze illecite . Il Senatore degli Stati Uniti Chuck Schumer ha espresso angoscia a questo riguardo, pensando a quanto è pietosamente incapace di far rimuovere quel sito in quanto si trova in quella che è conosciuta come la “dark web,” su server nascosti attraverso la crittografia. Se i siti allo scoperto che usano Bitcoin sono chiusi, quelli sotterranei fioriranno. Ed ogni volta che un sito di alto profilo verrà chiuso, bitcoin otterrebbe pubblicità gratuita in giro per il mondo.
Quindi, chiudere i siti web è una strategia inadeguata se lo stato decide di impedire l’uso di Bitcoin. Che altro potrebbero fare?
In un paese, al minimo, un governo può proibire agli individui e alle imprese di accettare Bitcoin (e se questo succedesse negli USA, sarebbe la dimostrazione finale che la Corte Suprema ha completamente abdicato dalle sue responsabilità). Supponiamo che il governo degli USA bandisca l’accettazione dei Bitcoin: significherebbe che i Bitcoin potrebbero solo essere accettati in segreto. Questo danneggerebbe l’economia in modo significativo, ma non si avvicinerebbe nemmeno a riuscire a fermare Bitcoin (e infatti, a meno che ogni governo faccia lo stesso, Bitcoins potrebbe essere accettato in altri paesi causando una fuga di capitali che spingerebbe il governo a non metterlo fuori legge in primo luogo).
Ma al riguardo di un sistema di attacco più ovvio – il governo non può semplicemente “impedire il trasferimento dei Bitcoin? Incredibilmente, No. Sistemi centralizzati come PayPal, Visa, o anche aziende come e-gold sono estremamente vulnerabili alla furia di un governo. I taglia gole devono semplicemente buttare giù una porta, confiscare i server e buttare i proprietari in prigione. Questo è il motivo per cui ogni sistema centralizzato deve, alla fine, piegarsi alla volontà del governo, accettando le regolamentazioni sul riciclaggio di denaro e fiscali, divulgando informazioni altrimenti private sui clienti, e impedire i pagamenti che il governo considera problematici. Se non lo fanno, vengono chiusi.
Bitcoin non è vulnerabile a questo rischio, perché non c’è un punto centrale che possa fallire. Non c’è un ufficio Bitcoin. Non ci sono server Bitcoin centralizzati. Non ci sono presidenti o impiegati di Bitcoin. Bitcoin non ha un paese natale e non è permesso in nessun luogo. Si tratta di una rete distribuita, un protocollo, che può operare fino a che internet esiste (e, in fatti, anche senza la stessa internet). Le transazioni avvengono da pari a pari, il che significa che nessun copro governativo le approva. I conti non possono essere congelati, perché nessuno possiede il pulsante per congelarli.
Bitcoin non può essere spento – è come un virus benevolo che, fino a che un ospite sopravvive da qualche parte nel mondo, può perpetuarsi e ricrescere alla velocità dell’informazione.
Bitcoin e Turbolenze
Una volta che una persona ha realizzato questo – che il governo è piuttosto impotente a fermare Bitcoin, allora un po’ di conseguenze possono venirgli in mente. Se Bitcoin nonfallisce da solo,allora in qualche modo dovrà avere successo, e come avrà successo, inizierà a rimpiazzare molte delle istituzioni che hanno causato così tanti problemi all’umanità.
I primi a finire sul ceppo del boia sono quegli attori che competono nel mercato dei trasferimenti di denaro. Mega-aziende come PayPal e Western Union (e anche più radicate compagnie come SWIFT) scopriranno che devono competere con un sistema che trasferisce denaro a un costo praticamente nullo. Il “servizio” che queste compagnie forniscono è stato reso inutile, e proprio come i costruttori di carretti per cavalli persero il loro mercato con la comparsa dell’automobile, così anche questi servizi di pagamento diventeranno inutili con la comparsa del sistema di trasferimento globale senza attrito offerto da Bitcoin.
Dal punto di vista dell’efficienza del mercato, se queste compagnie stanno guadagnando miliardi di $ ogni anno per fornire un servizio che può essere offerto gratuitamente, allora se questo servizio prende piede, l’umanità sarà più ricca ogni anno di miliardi di $. Serviranno eno risorse per muovere il denaro, e quindi meno risorse saranno consumate, rendendo l’umanità più ricca. Le automobili resero l’umanità più ricca permettendo trasporti ad un costo inferiore, l’Email ha reso l’umanità più ricca permettendo la comunicazione a costi inferiori, e esattamente nello stesso modo Bitcoin può rendere l’umanità più ricca permettendo trasferimenti monetari ad un costo inferiore.
Se Bitcoin diventa abbastanza grande da iniziare a rimpiazzare le reti di transazioni finanziarie, il suo valore si stabilizzerà ulteriormente e ci sarà una maggiore sicurezza sul suo prezzo a lungo termine. Di conseguenza, Bitcoin diventerà un mezzo di preservare la ricchezza sempre migliore (più stabile), che metterà in pericolo le banche prima e le valute nazionali dopo.
Tutto il lavoro fatto dalle banche, conservare e contabilizzare il denaro (e trasferirlo tra individui e aziende) può essere fatto direttamente da Bitcoin. E così come i servizi di pagamento vengono resi ridondanti, così molti servizi forniti dalle banche diventano ridondanti, riducendo il settore bancario a fornire servizi solo nelle aree dove sono realmente utili.
Il mondo di Bitcoin avrebbe anche delle banche, naturalmente, ma le banche sarebbero correttamente piazzate in quei ruoli di mercato dove potrebbero fornire un servizio utile. Le persone non vogliono dover necessariamente conservare valore nel loro PC domestico, e una banca con uno staff di sicurezza e un sistema di casseforti può essere un luogo intelligente dove tenere dei fondi (ma invece di essere tutti costretti a tenere i propri fondi in banca, sarebbe una loros celta basata sul loro profilo di rischio). Allo stesso modo, in un sistema capitalista ci sarà sempre la necessità di prestiti e interessi pagati sui depositi. Le banche avrebbero questa possibilità con Bitcoin fino a che rimangono efficienti e in grado di competere in un libero mercato.
E mentre avanziamo lungo la curva di adozione e crescita di un sistema monetario basato su Bitcoin, vedremo che le stesse valute nazionali saranno sfidate molto velocemente. Perché, dopo tutto, la gente dovrebbe voler tenere euro che vengono continuamente svalutati quando esiste una alternativa che permette pagamenti più facili e non può essere svalutata dalla BCE? Se Bitcoin si dimostra negli anni un mezzo solido per conservare il proprio potere di acquisto, quale motivo razionale avrebbe uno per usare l’euro? Supponendo che le tasse si debbano pagare in euro, un individuo potrebbe ancora condurre i suoi affari in Bitcoin, e comprare gli euro svalutati solo prima di dover pagare le tasse.
Perché non vediamo accadere questo con l’oro oggi? Perché l’oro non ha un buon sistema di pagamento incorporato – le monete fisiche non sono efficienti per il commercio di tutti i giorni, e i forzieri digitali garantiti dall’oro sono tutti sottoposti al controllo del governo a causa del rischio che vengano usati come modo per riciclare denaro, come abbiamo i sistemi di trasferimento di compagnie come GoldMoney sono stati forzati a chiudere (l’anno scorso, GoldMoney ha terminato il suo servizio di trasferimenti da conto a conto).    
Ricorda, Bitcoin rende automaticamente sia la conservazione che il trasferimento di fondi facile, sicuro, privato, e istantaneo. Con una storia di prezzi stabili guadagnata nel tempo, o in congiunzione con oro e argento, come un anche più stabile sistema per conservare il potere di acquisto, perché usare le valute cartacee degli stati per un qualsiasi motivo?
L’ultima tessera del domino che cadrà sarà il potere che il governo ha sul suo popolo attraverso la sua capacità di stampare, regolare e controllare la valuta di una nazione. Quando la valuta di uno stato viene sfidata, lo stato stesso viene sfidato, e le forze di mercato si muovono velocemente intorno ad inibitori malati e svalutati. Le conferenze stampa di qualcuno come Bernanke sarebbero sempre meno importanti, perché la valuta che stampa sarebbe utilizzata in circoli sempre più ristretti. Invece di combattere il governo, Bitcoin permette agli individui di aggirarlo – di ignorarlo in gran parte. Bitcoin, appaiato con Internet, fornisce tutto quello che è necessario per realizzare un sistema anarco-capitalista.
Dopo tutto, che potere avrebbe avuto il governo dello Zimbabwe se il suo popolo avesse avuto Bitcoin nelle loro comunità – denaro che potevano nascondere e spendere usando telefoni cellulari ed email. Che motivi ci sarebbero in Grecia per rivoltarsi ai mandati della BCE quando il paese può abbandonare l’euro in favore di una moneta che ogni uno di loro può controllare da solo. E da dove gli USA otterrebbero le risorse per finanziare in deficit le sue guerre e i suoi programmi sociali quando non avrà più l’abilità di stampare denaro e ripagare il debito con una valuta svalutata? Come lo standard aureo, Bitcoin incatena il governo e lo forza a sopravvivere di quello che può tassare apertamente e ottenere legittimamente in prestito, ma diversamente da uno standard aureo, Bitcoin nonrichiede nessuno status ufficiale per diventare uno standard. Il mercato può arrivare allo standard senza l’approvazione del governo, sempre perché funziona elegantemente sia per la conservazione e la trasmissione e non può essere fermato perché esiste in una forma decentralizzata.
Vedremo che insieme alla curva di adozione e crescita di Bitcoin, si realizzano alcune possibilità piuttosto eccitanti e rivoluzionarie. Invece di tentare di cambiare i governi con voti inutili, o richieste patetiche, semplicemente abbandoniamo la base del potere del governo – il potere derivante dal controllo degli scambi e della valuta. Le difficoltà e i problemi causati dalla crescita di questo nuovo sistema monetario dovrebbero facilmente essere superati dal dono dato alla nobile causa della libertà, se esso dovesse avere successo.
Questo è il momento per una prudente verifica della realtà. Una persona prudente dovrebbe assumere che Bitcoin fallirà, non non altro perché la maggior parte delle cose nuove falliscono. Ma, c’è una possibilità reale che esso abbia successo, e questa possibilità cresce ad ogni nuovo utente, ogni nuova azienda ed ogni nuovo sistema sviluppato all’interno dell’economia di Bitcoin. Le ramificazioni del successo sono straordinarie, e quindi vale al pena che ogni sostenitore della libertà ne faccia una valutazione sommaria, non solo negli USA, ma in tutto il mondo.
Spendi del tempo su Bitcoin. Impara come funziona, sfidalo, e usalo. Puoi presumere che nessun governo vuole che tu adotti questo sistema in qualsiasi modo, e per questa ragione solamente vale la pena che venga preso in considerazione da persone oneste, morali e industriose.
Risorse utili
Dato che Bitcoin è decentralizzato, può essere difficile trovare tutte le risorse che una persona possa desiderare. Sotto c’è una lista di alcuni dei siti web e degli strumenti più utili per conoscere ed operare nell’economia di Bitcoin.
WeUseCoins.org Il miglior posto da cui iniziare per i principianti.

Paytunia.com - Servizio di ewallet online molto carino con una app per Android. Tieni qui le tue monete.

BitSpend.net - Ti permette di comprare QUALSIASI COSA online pagando con Bitcoin.
BitInstant.com Permette acquisti rapidi di Bitcoin attraverso depositi anonimi di contatnte in tutte le principali banche delgi USA. Attualmente è il modo più veloce e rapido di comprare Bitcoin negli USA.
Bitcoin.org Sito ufficiale del progetto Bitcoin, download il wallet software da qui.
MtGox.com Il principale cambiavalute per Bitcoin. Compra e vendi Bitcoin qui.
BitcoinTalk.org Il forum di discussione ufficiale, e una grande comunità di entusiasti.
Wiki.Bitcoin.it- Enciclopedia della conoscenza aggregata su Bitcoin, molto estesa.
Bitcoin.it/wiki/trade Lista parziale delle aziende che accettano Bitcoin come pagamento.
BitcoinMagazine.net Una pubblicazione professionale e portale di notizie
Blockchain.info Strumento per vedere i conti, i pagamenti e varie statistiche economiche.
BitcoinCharts.com Mostra i prezzi di mercato correnti e statistiche economiche.
Preev.com Caocolatore super semplice Bitcoinfiat, supporta molte valute.
BitcoinMonitor.com Visione dal vivo delle transazioni mentre avvengono sulla rete Bitcoin.
Paysius.com Permette alle aziende di accettare automaticamente pagamenti in Bitcoin sul loro sito web.
Bit-Pay.com Un’altra eccellente soluzione commerciale per aziende che desiderano accettare pagamenti in Bitcoin.
Coinabul.com Principale venditore di oro e Argento in cambio di Bitcoin.

Coinapult.com- Invia Bitcoin via Email o SMS
WorkForBitcoin.comtrova lavoro in Bitcoin – progetti freelance che pagano in Bitcoin.
***Ti è piaciuto l’articolo? Dona Bitcoin a: 1FHXmBgbxyVowtWtcxQSGAccT1APCrXPKo
Sull’Autore
Uno scrittore, imprenditore e d economista da salotto, Erik Voorhees (originario del Colorado) si trasferì dal Dubai per unirsi al Free State Projectin New Hampshire nel 2011 in modo da far progredire la causa della libertà. Mentre si trovava li, Scoprì Bitcoin e incidentalmente cadde nel buco del coniglio. Bitcoin è diventato ora il suo hobby, il suo attivismo, e la sua carriera, perché crede che la nuova valuta sia il più grande strumento per la libertà globale da quando è stata inventata internet stessa. 
Erik è un ben conosciuto membro del forum della comunità Bitcoin (pseudonimo – evoorhees), e attualmente lavora per BitInstant, che si trova a New York City, che permette ai clienti di comprare Bitcoins da ogni grande banca in meno di 30 minuti. Inoltre, Erik è unche un partner in un paio di progetti basati su Bitcoin super segreti e super sovversivi e coordina il gruppo del Free State Bitcoin Consortium tra gli attivisti della libertà in New Hampshire.
Segui l’account di Erik su Twitter @ErikVoorhees o mandagli una email erikvoorhees [at] gmail

Posted by Erik Voorhees at 10:29 PM

Il Futuro e i suoi Nemici 4

OK, andiamo al sodo, cosa fare per evitare di essere derubati completamente dai governi che cercano di salvare le classi politiche e burocratiche a spese delle classi produttive?

(Avviso!!! 
Questi non sono consigli di investimento – sono solo opinioni. Quello che ci fate sono solo fatti vostri)

Se avete letto gli articoli precedenti mi pare ovvio che bisogna smettere di risparmiare in moneta fiduciaria (fiat money), cioè in €, US$, Ca$, ¥ o in titoli denominati in moneta fiduciaria (obbligazioni, titoli di stato, etc.). Il primo motivo è che non rendono quanto l’inflazione (Germania, Francia, USA) o, se rendono quanto o più dell’inflazione (Italia, Spagna, Grecia, etc.) c’è qualche serio dubbio che saranno pagati in futuro come pattuito. Molto più probabilmente, i banchiere centrale creeranno abbastanza liquidità dal nulla per redistribuire il potere d’acquisto dal denaro in esistenza (nelle vostre mani) al denaro appena creato (nelle loro) e lo elargiranno a tassi di interesse ridicoli ai banchieri (che sono al fallimento) e agli stati.

Come garantire che i propri risparmi non siano distrutti dall’inflazione o persi nel fallimento dei governi e delle banche o di altre istituzioni finanziarie?
Risparmiate in oro e argento fisico.

Gli ETF che vi propongono in banca sono uno strumento finanziario che vi espone al prezzo dell’oro o dell’argento, ma se il mercato esplode molti di questi ETF potrebbero non sopravvivere non avendo, materialmente, in mano il metallo, ma solo future e options e simili “promesse”. Va rimarcato che la quantità di futures trattati è enorme rispetto alla quantità di oro e argento effettivamente consegnati ai clienti. Il 90-95%, almeno, dei contratti viene chiuso con pagamento in contanti e non con la consegna del metallo. Questo significa che, nel caso ci sia un improvviso aumento della domanda di consegne del metallo, la controparte non è in grado di soddisfarla. Già adesso sono segnalati molti casi in cui ai clienti il metallo viene consegnato in ritardo rispetto alla data pattuita.

Se decidete di risparmiare in oro e argento fisico, inoltre, evitate di tenerlo in banca. I conti correnti in oro/argento sono, legalmente, un prestito che voi fate alla banca. Vai siete solo dei creditori della banca (come tanti altri). Quindi la banca non ha nessun dovere nei vostri confronti di conservare l’oro/argento nei suoi forzieri, ma invece può usarlo come le pare. Se poi lo perde in prestiti o speculazioni fallimentari, fatti vostri che avete gli avete prestato del denaro. Sono già stati riportati casi di quantità ingenti di oro fisico conservato da banche per anni che è stato riconsegnato al proprietario con mesi di ritardo e in lingotti prodotti un mese dopo la richiesta di consegna. Fate le vostre considerzioni sul caso.
Non è consigliabile nemmeno pensare di usare le cassette di sicurezza delle banche, perché non è possibile sapere esattamente quale sarà il quadro regolatorio futuro: le banche sostengono i governi, i governi le banche e i governi (attraverso i parlamenti) fanno le leggi: basta poco per far diventare l’oro nelle cassette di sicurezza di una banca di proprietà della banca, basta una votazione notturna in Parlamento o un decreto legge. Lo hanno fatto, per esempio, per i fondi dei comuni: la legge votata a Febbraio 2012 semplicemente ordinava al tesoriere della banca di trasferire i fondi del comune alla Cassa Depositi e Prestiti. I sindaci potevano protestare quanto volevano, ma i soldi non erano nelle loro mani e quindi erano impotenti. I tesorieri della banca, dei semplici impiegati, certamente non rischiavano il posto e la galera per i soldi altrui.

In Argentina, durante la crisi del 2.000, tutti i conti bancari furono congelati e furono posti dei limiti alla quantità di denaro che poteva essere ritirato giornalmente. Nel frattempo, l’inflazione correva veloce e distruggeva il valore dei risparmi della classe media. Oggi, in Argentina, sono stati imposti dei blocchi al pagamento verso l’estero da parte del governo, per via della crisi economica (dovuta alle spese e sprechi del governo).

La linea di fondo è che le banche non possono essere considerate affidabili sia perché la maggior parte è sull’orlo del fallimento e tenuta su solo dalle infusioni di liquidità della BCE/Fed. sia perché il quadro normativo rende dubbia la proprietà di qualsiasi cosa sia in loro possesso.

Le soluzioni, quindi, per risparmiare in oro e argento sono due:
1) mantenere dei depositi di oro e argento presso istituzioni non bancarie/finanziarie come GoldMoney.com BullionVault.com, etc.
2) mantenere il proprio oro e argento nelle proprie mani (a casa o in qualche luogo sicuro). Un esempio è Walter Samasko che è recentemente  morto alla tenera età di 69 anni, con 200$ in banca e 7 milioni di $ in monete d’oro (senza contare l’eventuale valore numismatico). Le teneva in un barile in garage e risulta che non abbia avuto un lavoro continuativo dal 1968. Se non fosse morto solo, avrebbe potuto passare le sue monete d’oro direttamente alla sua unica erede (o a chi preferiva) senza che questi dovesse pagare qualche tassa al governo. In Italia, se lasciate una abitazione agli eredi, questi devono pagare circa il 10% del valore catastale in tasse (se gli va bene, se hanno i soldi, etc.).

La soluzione (1) permette un più facile, meno oneroso, acquisto e vendita del metallo e, se lo si desidera, la consegna dello stesso a domicilio. Il rischio è che la controparte non faccia quello che dice di fare o che il governo le rubi il metallo.
La soluzione (2) è più onerosa nell’acquisto e nella vendita rispetto al prezzo ufficiale di mercato, ma rende molto più difficile ad un governo l’appropriazione dell’oro. Il rischio di furto dell’oro aumenta, ma se nessuno sa che lo possedete e se lo nascondete bene non dovrebbe essere un problema.
La cosa migliore è un mix delle due.

Perché risparmiare (non investire) in oro e argento? Perché sono risorse scarse che non possono essere prodotte senza un elevato costo. Questo garantisce che non possano essere inflazionate per motivi politici od economici. L’argento, avendo parecchi usi industriali, salirà di prezzo proporzionalmente molto di più dell’oro, ma il prezzo, proprio per via della fluttuazione della domanda e dell’offerta, è molto più ballerino. L’oro, invece, ha pochissime applicazioni industriali, e quindi il suo valore è molto più stabile. La quantità di oro disponibile dipende dal prezzo e dal livello tecnologico. Mano a mano che l’oro diventa più difficile e costoso da estrarre, a parità di prezzo di mercato, la produzione diminuisce. Ma quando la tecnologia rende più economica l’estrazione, la produzione aumenta.

Per una panoramica sull’oro, l’argento, lo stato del’economia e su come finirà la partita posso solo consigliare l’ottimo Mike Maloney:

Per aggiornamenti continui sullo stato dell’economia italiana, europea, mondiale:
Rischio Calcolato

Assolutamente da seguire sono gli articoli pubblicati da Goldmoney.com e i video delle interviste ad esperti del settore fatte dalla GoldMoney Fundation per chi vuole comprendere l’economia e l’evoluzione del mercato dell’oro e delle monete.

Per seguire il mercato delle valute e dell’oro KingWorldNews.com Gold

Nel prossimo post discuterò di come, dopo aver messo al sicuro i risparmi (per quanto possibile), si possa agire pacificamente per minare il potere dei governi di rapinare la popolazione del suo potere di acquisto.

Enhanced by Zemanta

Impianti neurali pensanti

In passato dei ricercatori sono riusciti a realizzare degli impianti neuronali in grado di far muovere degli arti prostetici a delle scimmie usando una connessione diretta al cervello. In seguito questi progressi sono stati usati per dare simili capacità anche a pazienti paralizzati. Inoltre, esistono più di 80.000 pazienti malati di Morbo di Parkinson che hanno uno stimolatore profondo del cervello impiantato che funziona in modo simile ad un pace-maker per ridurre i tremori del paziente.
La novità della notizia sta che, per la prima volta, un impianto neuronale è stato in grado di interpretare gli impulsi ricevuti da dei neuroni e trasmetterli in modo efficace ad altri neuroni, restituendo una capacità cognitiva che era stata persa. In breve, la protesi permetteva alle scimmie di riacquistareuna specifica capacità cerebrale.
I ricercatori hanno prima registrato gli impulsi in arrivo e quelli in partenza da una specifica zona della corteccia prefrontale del cervello della scimmia, e poi li hanno analizzati e replicato. In questo modo sono stati in grado di restituire alla scimmia la cui area del cervello era stata distrutta dalla cocaina non le stesse capacità decisionali che aveva prima, ma capacità lievemente superiori.

Sebbene le applicazioni sull’uomo siano ancora di la da venire, e molte altre sperimentazioni siano necessarie, questo è il primo passo verso protesi in grado di restituire capacità cognitive perdute alle persone e anche capacità mai avute prima.

Più veloci, per favore.

Enhanced by Zemanta