Soldati sempre giovani

L’ U.S. Army è, senza dubbio, la forza armata di terra che spende di più per selezionare ed addestrare i suoi uomini al combattimento e all’utilizzo di tecniche e technologie. Sfortunatamente i migliori non rimangono giovani per sempre e le loro capacità psico-fisiche si riducono con il tempo. Quindi, personale con grande esperienza sul campo e capacità deve, ogni anno, lasciare le forze armate e andare in pensione oppure trovare un lavoro civile perché non ha più le capacità richieste per operare sul campo.

Per ovviare a questo, i ricercatori dell’ U.S. Army hanno deciso di promuovere una ricerca scientifica / tecnologica nel tentativo di risolvere (o almeno limitare) il problema e mantenere i soldati al livello di prestanza fisica e mentale di quando hanno iniziato l’addestramento.  Per questo sono state richieste proposte di ricerca con l’obiettivo di ottimizzare il funzionamento dei mitocondri umani. Lo stesso genere di ricerca che GlaxoSmithKline ha intrapreso investendo 720 milioni di $ nello studio del Resveratrolo e di molecole simili.

La ricerca, ovviamente, ha interesse anche per i non combattenti. Dopo tutto, come nota il documento del US Army, anche “un gran numero di civili sono vecchi”.

Army Looks to Keep Troops Forever Young | Danger Room

Next Big Future: US Army has Anti-Aging Projects

Army FY09.2 SBIR Solicitation Topics

Army Seeks Fountain of Youth in Body’s Powerhouses | Danger Room

Reblog this post [with Zemanta]
Annunci

Verso un’interfaccia wireless per il cervello

I ricercatori della Case Western University hanno utilizzato della luce per stimolare dei circuiti cerebrali [in vitro] con delle nanoparticelle [1]
La ricerca si intitola: “Wireless Activation of Neurons in Brain Slices Using Nanostructured Semiconductor Photoelectrodes”.
Il sistema, una vlta sviluppato e adattato all’utilizzo in vivo permetterebbe di stimolare in modo molto preciso i neuroni del cervello, forse addirittura un singolo neurone alla volta.

Towards Wireless Brain Computer Interface: Light Activation of Neurons Via Nanoparticles